Il Popolo della Famiglia vicino agli operatori dello Sci

Antonio Panero - 16 Febbraio 2021 Email Whatsapp telegram Facebook Twitter Linkedin
img

Antonio Panero (PdF Cuneo): ” L’ennesimo stop alle stazioni sciistiche ultimo incredibile atto di un Governo da dimenticare per sempre”

“Gli operatori della montagna e tutti i lavoratori delle stazioni sciistiche meritano più rispetto e soprattutto proporzionati indennizzi e ristori per il danno procurato loro in questi mesi”: cosi Antonio Panero, Coordinatore provinciale del Popolo della Famiglia, dopo l’ennesima intempestiva ed irrispettosa decisione relativa alla non riapertura degli impianti da sci fatta all’ultimo minuto e senza alcun adeguato preavviso.

“C’è da rimanere allibiti – continua Panero – da cotanta mancanza di rispetto per i lavoratori del settore e per i cittadini, in balia di decisioni prese forse in base a dati scientifici, ma sicuramente annunciate nella maniera più deleteria per il comparto, con danni evidentissimi per i gestori degli impianti, i lavoratori del settore e di tutto l’indotto: migliaia di famiglie ancora una volta umiliate da una politica incapace di programmare”.

“Non siamo qui certo a contestare l’ovvia attenzione ai bisogni di salute della popolazione” – commenta Mario Campanella, medico e Responsabile Attività Sportive del PdF Cuneo -, quello che ci stupisce è sottolineare (come del resto hanno fatto in maniera bipartisan molti Presidenti di Regione) l’assenza di programmazione nelle decisioni e soprattutto la mancanza di rispetto per i lavoratori della montagna, che attenendosi alle indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico avevano approntato tutte le condizioni per riaprire in sicurezza le stazioni”.

“Sottolineo con piacere – conclude Campanella – come moltissimi sciatori abbiano rifiutato il rimborso degli ski-pass per dare un piccolo personale segno di vicinanza alle stazioni sciistiche. Chiediamo al nuovo Governo di dare invece un grande segnale di discontinuità e di sostegno al settore, che deve tornare ad essere occasione di svago e serenità per gli utenti e sopratutto risorsa concreta per la ripresa economica del turismo italiano. Anche perché non si capisce perché ci si possa ammassare come sardine in una metropolitana e non frequentare con le dovute precauzioni le piste all’aria aperta di una stazione sciistica”.

, Antonio Panero, Circoli, Il Popolo della Famiglia, Piemonte

Braccia AAA Cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo! Cuore

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.