Scorie nucleari: il PdF contesta i siti di stoccaggio individuati in Sardegna

Andrea Brenna - 15 Gennaio 2021 Email Whatsapp telegram Facebook Twitter Linkedin
img

“Pare lampante che essi siano stati dimensionati per raccogliere rifiuti radioattivi non solo sardi, bensì provenienti anche da altre regioni d’Italia”, ha dichiarato Andrea Brenna, segretario nazionale del Popolo della Famiglia. “Questa scelta trasformerebbe la regione Sardegna in una discarica di un ingentissimo quantitativo di rifiuti radioattivi nazionali”.

“La Sardegna, che già da decenni subisce enormi disagi e disservizi apparendo una regione dimenticata”, ha proseguito Brenna, “non è certo disposta a fungere da discarica di spazzatura radioattiva dell’Italia intera, sia per il suo particolare carattere geografico (i rifiuti dovrebbero essere trasportati in Sardegna via mare), sia per quel principio di equità secondo il quale questi rifiuti radioattivi dovrebbero essere smaltiti direttamente dalle regioni dove sono stati prodotti e in luoghi e contesti scelti ponderatamente, in accordo con le singole realtà locali e non certamente imposti, sia per quanto riguarda la localizzazione sia per le quantità di stoccaggio, da ministeri centrali che hanno agito senza un preventivo e necessario confronto territoriale”.

“Il Popolo della Famiglia chiede chiarezza al governo e alla Sogin sul reale utilizzo dei numerosi siti individuati in Sardegna per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi”, ha sottolineato a sua volta Nicola Di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia. “L’individuazione di ben 14 siti in Sardegna sembra infatti decisamente sovradimensionata rispetto ai rifiuti radioattivi prodotti nell’isola. Ogni regione è invece chiamata a fare la sua parte, in maniera proporzionale alla propria produzione di scorie nucleari. Si rivela dunque necessario un approfondito confronto con le autorità locali e con la popolazione sarda prima di ogni decisione”.

Popolo della Famiglia Sardegna

Andrea Brenna, Circoli, Il Popolo della Famiglia, Nicola di Matteo, Sardegna

Braccia AAA Cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo! Cuore

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.